Contenuto principale

Olimpiadi digitali dei diritti umani

 

Lo scorso 7 dicembre gli studenti del nostro Polo liceale, Alessandra Caliò, Maria Elena De Vincenti, Domenica Melone, Domenico Morelli, Francesco Otranto e Pasquale Seta, selezionati dai docenti Daniele Garofalo, Igino Romano e Paolo Guido Barbaro, hanno partecipato alla prima edizione delle Olimpiadi Digitali dei diritti umani, organizzate dall’ ISI “Pertini” di Lucca, che ha registrato l’adesione di quaranta istituti sparsi sull’intero territorio nazionale. I suddetti allievi, prima di cimentarsi nella prova svoltasi nella sede del Liceo Classico, si sono opportunamente documentati e preparati sulla tematica in oggetto, che prevedeva soprattutto la fruizione e l’apprendimento di contenuti in lingua inglese. L’espletamento della loro prova è avvenuto usufruendo della piattaforma digitale Kahoot, un social media che consente di realizzare e somministrare dei quiz a scelta singola sulla base di un approccio ludico all'apprendimento o game-based learning; ciò ha permesso, al momento della somministrazione degli stessi, di partecipare in modo divertente e collettivamente. Purtroppo l’utilizzo della piattaforma suddetta non ha garantito ai nostri partecipanti la perfetta coincidenza dei tempi e delle modalità di somministrazione dei quiz, che giungevano sulla schermata di riferimento palesemente in ritardo rispetto agli altri Istituti e ciò ha impedito ai nostri ragazzi di approdare alla fase finale della kermesse in oggetto: gli stessi si sono giustamente rammaricati per non aver potuto manifestare, nelle modalità dovute, le competenze acquisite, che sono entrate comunque a far parte del loro bagaglio culturale, realizzando la finalità educativa di fondo.

Lo staff organizzativo dell’evento ha preso atto dello “sfalsamento” nella tempistica di somministrazione dei quiz e riconosciuto la preparazione dei nostri ragazzi, scusandosi per gli inconvenienti occorsi e conferendo al nostro Istituto e agli allievi partecipanti un pregevole attestato di partecipazione. Il girone di qualificazione (dieci gironi in tutto, ognuno composto da quattro Istituti) nel quale era impegnata la squadra del “S.Nilo” era dedicato a Rigoberta Menchù, nota esponente del movimento di liberazione degli Indios del Guatemala ed i nostri allievi si sono classificati complessivamente al secondo posto, con viva soddisfazione dei rispettivi docenti, che hanno apprezzato l’impegno e la serietà della loro partecipazione.

 

Prof. Paolo Guido Barbaro

 

olimpiadi diritti umani