Contenuto principale

Parco della Magna Grecia, Policoro (18/10/2015)

 

Domenica 18 ottobre 2015, la Dirigente Scolastica, prof.ssa Adriana Grispo, accompagnata dalle docenti Rossi e Congi, ha partecipato al convegno sul tema “Il Parco della Magna Grecia”, presso il Centro Velico Lucano di Policoro. Il Presidente Onorario del costituendo Parco della Magna Grecia, il Prof. Luigi Berlinguer , già ministro della P.I., ha presieduto i lavori relazionando sulle linee guida per la creazione del parco, una sorta di aula a cielo aperto ove le scuole potranno creare attività laboratoriali su misura per gli studenti, che diventeranno protagonisti della fruizione della riserva con i suoi beni storici, archeologici e naturalistici, ambasciatori di una nuova didattica informale.

La partecipazione al convegno ha favorito, inoltre, da parte della scuola la sottoscrizione del protocollo d’intesa con il Centro Velico di Policoro, finalizzato alla realizzazione di progetti ed attività per la promozione della cultura sportiva e della salvaguardia del territorio.

Abstract del Convegno “Parco della Magna Grecia” porta verso il Mediterraneo di Matera 2019.

Il Mediterraneo è un mare che da millenni ha consentito il trasferimento di idee e uomini, ha permesso l'evolversi delle civiltà, delle tante culture, il rinnovarsi delle economie, l'intreccio e lo scambio di stili, di tendenze e culture.

Lo stesso Fernand Braudel, famoso storico francese, dipinge il “Mare Nostrum” come un meraviglioso affresco delle diverse culture storiche e del loro contributo millenario allo sviluppo della civiltà mediterranea ed europea. La Basilicata, terra di Magna Grecia, crocevia e mescolanza di popolazioni, ha rappresentato sin dall’antichità l’estrinsecazione massima di questa fusione. Ne dà conferma la prestigiosa elezione di Matera quale Capitale europea della cultura 2019.

La creazione del parco permetterà la realizzazione di un ambiente fisico e virtuale dove far confluire le sinergie e le progettualità dei comuni e delle associazioni appartenenti all’area geografica della Grande Ellade, estesa anche alla Sibaritide, e offrire al mondo della scuola un contenitore privilegiato per esperienze e didattica laboratoriale.

 

GUARDA LE FOTO20151018 131912